Dedicato agli utenti della Mela
 

RICHIESTA STRANA: quando arriva il giorno in cui..

erre.emme.rivettatrici@gmail.com 26 Ago 2016 12:09
Durante le vacanze e leggendo le cronache mi è venuto un pensiero: se mi
accadesse qualcosa e non tornassi più a casa cosa ne sarà dei dati personali
sul mio Mac, chi li leggerà? Nulla di criminale ovviamente ma credo che
ciascuno di noi conservi qualcosa che non vorrebbe cadesse in mani sbagliate nel
caso in cui... penso alle mail private, alle password, a qualche info o foto che
per noi sono solo un ricordo ma che sarebbe meglio che mogli e figli non
vedessero e mille altre cosette che sarebbe opportuno non finissero in mani
sbagliate, magari dopo che... toccando ciò che serve, non saremmo più in grado
di spiegare perchè fossero ancora lì ;-)
Io ho due cartelle sulla scrivania, una dal nome 'personale non aprire' che
contiene i documenti e tutto ciò che ovviamente verrà e dovrà essere visto
per primo, ed una 'cose inutili da cestinare' per quelle che dovrebbero
scomparire nel caso in cui. Ma se non sono più in grado di metterla nel cestino
e vuotarlo? Quindi chiedo:
è possibile - e se si come - creare uno script che ogni tanto e con un generoso
lasso di tempo, 2 o 3 gg per esempio, apra una finestra e mi chieda se voglio
distruggere una certa cartella e nel caso in cui non risponda NO in un tempo
sufficiente (per evitarne la distruzione quando il mac è in sleep ed io sono
assente) lo faccia al posto mio?
Capisco che possa sembrare un problema curioso, ma è meglio essere previdenti.
Qualora vediate delle controindicazioni che a me sfuggono, i consigli sono
sempre bene accetti. Grazie,
Max
Trystero 26 Ago 2016 12:39
<erre.emme.rivettatrici@gmail.com> wrote:

> credo che ciascuno di noi conservi qualcosa che non vorrebbe cadesse in
> mani sbagliate nel caso in cui... penso alle mail private, alle password,
> a qualche info o foto che per noi sono solo un ricordo ma che sarebbe
> meglio che mogli e figli non vedessero e mille altre cosette che sarebbe
> opportuno non finissero in mani sbagliate, magari dopo che... toccando ciò
> che serve, non saremmo più in grado di spiegare perchè fossero ancora lì

Io le cose DAVVERO personali le tengo in un "immagine disco" dal nome
generico, creata con Utility Disco, criptata con una password lunga che
per me è facile da ricordare ma che per gli estranei sarebbe difficile
da indovinare. A meno che gli eredi non assumano un tecnico *****er :-)
C'è il rischio che quel ******* criptato si corrompa e anch'io non riesca
più ad accedere? C'è la copia su Time Machine. Corrotta pure quella? ne
ho un'altra copia che aggiorno quando aggiorno quella originale.
erre.emme.rivettatrici@gmail.com 26 Ago 2016 14:41
Il giorno venerdì 26 agosto 2016 12:39:21 UTC+2, Trystero ha scritto:
> Io le cose DAVVERO personali le tengo in un "immagine disco" dal nome
> generico, creata con Utility Disco, criptata con una password lunga che
> per me č facile da ricordare ma che per gli estranei sarebbe difficile
> da indovinare. A meno che gli eredi non assumano un tecnico *****er :-)
> C'č il rischio che quel ******* criptato si corrompa e anch'io non riesca
> piů ad accedere? C'č la copia su Time Machine. Corrotta pure quella? ne
> ho un'altra copia che aggiorno quando aggiorno quella originale.

Potrebbe essere un'idea ma non sono esperto, per la mia scarsa conoscenza
l'immagine disco è solo quella da cui estraggo il sistema; so che si può
creare ma devo studiare come. Il problema è però se vuoi archiviare cose che
non usi mai - tipo le foto - oppure files che aggiorni come l'elenco delle
password (io anche l'agenda delle fidanzate eheheh... scherzo, magari!). Come si
fa, si scompatta e si ricrea ogni volta? Grazie mille per la risposta, attendo
proposte sperando di non averne bisogno nell'immediato ;-)
Ciao, Max
guidorubino 26 Ago 2016 15:05
<erre.emme.rivettatrici@gmail.com> wrote:

> Il giorno venerdì 26 agosto 2016 12:39:21 UTC+2, Trystero ha scritto:
>> Io le cose DAVVERO personali le tengo in un "immagine disco" dal nome
>> generico, creata con Utility Disco, criptata con una password lunga che
>> per me ? facile da ricordare ma che per gli estranei sarebbe difficile
>> da indovinare. A meno che gli eredi non assumano un tecnico *****er :-)
>> C'? il rischio che quel ******* criptato si corrompa e anch'io non riesca
>> pi? ad accedere? C'? la copia su Time Machine. Corrotta pure quella? ne
>> ho un'altra copia che aggiorno quando aggiorno quella originale.
>
> Potrebbe essere un'idea ma non sono esperto, per la mia scarsa conoscenza
> l'immagine disco è solo quella da cui estraggo il sistema; so che si può
> creare ma devo studiare come. Il problema è però se vuoi archiviare cose
> che non usi mai - tipo le foto - oppure files che aggiorni come l'elenco
> delle password (io anche l'agenda delle fidanzate eheheh... scherzo,
> magari!). Come si fa, si scompatta e si ricrea ogni volta? Grazie mille
> per la risposta, attendo proposte sperando di non averne bisogno
> nell'immediato ;-) Ciao, Max

Ci sono programmi tipo veraCrypt che creano un ******* crittato anonimo che
puoi blindare con una buona *******
--
. Guidorubino.com
Trystero 26 Ago 2016 15:31
<erre.emme.rivettatrici@gmail.com> wrote:
> Come si fa, si scompatta e si ricrea ogni volta? Grazie mille
> per la risposta, attendo proposte sperando di non averne bisogno
> nell'immediato ;-)

Puoi semplicemente fare una prova e vedere se ti può essere utile:

Utility Disco
Menu ******* > Nuova immagine > Immagine vuota

Ti chiede subito (in alto) il nome che dovrà avere il ******* poi nei
campi in basso il nome che avrà il disco virtuale una volta aperto, le
dimensioni, il formato (che lascierei come è di default). Poi che tipo
di codifica (io ho scelto quella a 128bit), partizioni e formato (anche
questi ultimi li lascerei di default).

Una volta salvato il ******* disco per aprirlo ovviamente dovrai scrivere
la password. Per chiuderlo lo dovrai espellere, come fosse un CD o un
HD. Come succede con i ******* .dmg di installazione di tanti programmi.
Jack 26 Ago 2016 15:41
Il giorno venerdì 26 agosto 2016 12:09:02 UTC+2, erre.emme.r...@gmail.com ha
scritto:
> Durante le vacanze e leggendo le cronache mi è venuto un pensiero: se mi
accadesse qualcosa e non tornassi più a casa cosa ne sarà dei dati personali
sul mio Mac, chi li leggerà? Nulla di criminale ovviamente ma credo che
ciascuno di noi conservi qualcosa che non vorrebbe cadesse in mani sbagliate nel
caso in cui... penso alle mail private, alle password, a qualche info o foto che
per noi sono solo un ricordo ma che sarebbe meglio che mogli e figli non
vedessero e mille altre cosette che sarebbe opportuno non finissero in mani
sbagliate, magari dopo che... toccando ciò che serve, non saremmo più in grado
di spiegare perchè fossero ancora lì ;-)
> Io ho due cartelle sulla scrivania, una dal nome 'personale non aprire' che
contiene i documenti e tutto ciò che ovviamente verrà e dovrà essere visto
per primo, ed una 'cose inutili da cestinare' per quelle che dovrebbero
scomparire nel caso in cui. Ma se non sono più in grado di metterla nel cestino
e vuotarlo? Quindi chiedo:
> è possibile - e se si come - creare uno script che ogni tanto e con un
generoso lasso di tempo, 2 o 3 gg per esempio, apra una finestra e mi chieda se
voglio distruggere una certa cartella e nel caso in cui non risponda NO in un
tempo sufficiente (per evitarne la distruzione quando il mac è in sleep ed io
sono assente) lo faccia al posto mio?
> Capisco che possa sembrare un problema curioso, ma è meglio essere
previdenti. Qualora vediate delle controindicazioni che a me sfuggono, i
consigli sono sempre bene accetti. Grazie,
> Max

Sinceramente, se sei morto, chettifrega?

Al limite crei uno script chiamato "SE PIPPO E MORTO CLICCAMI", oppure
"TESTAMENTO" che cancella tutto quello che deve cancellare.

Ciao Jack
erre.emme.rivettatrici@gmail.com 26 Ago 2016 20:21
Il giorno venerdì 26 agosto 2016 15:05:18 UTC+2, guidorubino ha scritto:
> Ci sono programmi tipo veraCrypt che creano un ******* crittato anonimo che
> puoi blindare con una buona *******

Ottimo suggerimento, non è la soluzione che cercavo ma si impara sempre
qualcosa di nuovo. grazie!

Il giorno venerdì 26 agosto 2016 15:31:15 UTC+2, Trystero ha scritto:
> Puoi semplicemente fare una prova e vedere se ti può essere utile:
>
> Utility Disco
> Menu ******* > Nuova immagine > Immagine vuota
>
> Ti chiede subito (in alto) il nome che dovrà avere il ******* poi nei
> campi in basso il nome che avrà il disco virtuale una volta aperto, le
> dimensioni, il formato (che lascierei come è di default). Poi che tipo
> di codifica (io ho scelto quella a 128bit), partizioni e formato (anche
> questi ultimi li lascerei di default).
>
> Una volta salvato il ******* disco per aprirlo ovviamente dovrai scrivere
> la password. Per chiuderlo lo dovrai espellere, come fosse un CD o un
> HD. Come succede con i ******* .dmg di installazione di tanti programmi.

Ottimo, mi hai risparmiato di dover cercare e capire come funziona, grazie
mille. No ho però capito se si crea un'immagine unica della sola cartella e se
ogni volta che voglio aggiornare un ******* che contiene devo scompattare e
ricreare dopo la modifica; se è così è già una soluzione ma mi sembra un pò
macchinosa e comunque rimarrebbe sul desktop un'icona che, anche se non apribile
senza password, potrebbe indurre a cercare cosa c'è dentro. Ho un figlio
programmatore, capisciammè ;-) Ripeto, non ho nulla di terribile da nascondere
ma oggigiorno anche un nome di donna nella rubrica del cellulare desta sospetti
e siccome non ho un passato da anima candida non vorrei... diciamo così..
lasciare un brutto ricordo ehehe. Grazie ancora del tempo che mi hai dedicato


Il giorno venerdì 26 agosto 2016 15:41:38 UTC+2, Jack ha scritto:
> Sinceramente, se sei morto, chettifrega?

Che ti devo dire, non essendo mai morto non so se mi fregherebbe o no, se mi
proponi uno script che mandi un email dall'aldilà nel caso te lo farò sapere

> Al limite crei uno script chiamato "SE PIPPO E MORTO CLICCAMI", oppure
"TESTAMENTO" che cancella tutto quello che deve cancellare.

Mah, non sono esperto di script e anzi mi piacerebbe imparare, qualche volta ho
usato Automator ma forse il problema che dovevo risolvere non era così
determinante e ho sempre abbandonato prima di riuscirci. Mea culpa, lo
riconosco. Però, detto senza peli sulla ******* mi sempra una presa per i
fondelli, e post exitus non mi sembra elegante... click, e invece di uscire il
testamento sparisce tutto; poi magari si offendono e mi seppelliscono in piedi,
preferisco non correre rischi.
Non sono pratico di script a livello sistema e usando FileMaker pensavo ad una
finestra per la disattivazione del processo se sono ancora nell'aldiqua ed uno
script DELETE o qualcosa del genere che cancelli la cartella nel caso in cui.

Grazie mille a tutti per le risposte, in ogni caso è un problema che spero di
non avere, ma se vi viene in mente qualcosa fatemelo sapere. PER TEMPO, mi
raccomando! :-D
Buona serata a tutti,
Max
Trystero 26 Ago 2016 21:21
<erre.emme.rivettatrici@gmail.com> wrote:

> No ho però capito se si crea un'immagine unica della sola cartella

Puoi scegliere di partire da una cartella già esistente, oppure puoi
creare una immagine disco vuota e poi metterci quello che vuoi.

> e se ogni volta che voglio aggiornare un ******* che contiene devo
> scompattare e ricreare dopo la modifica;

No, devi solo aprire il ******* immagine-disco e usarlo come fosse un HD
esterno. Poi alla fine semplicemente lo espelli. Ma il ******* ti rimane.

Faccio prima a inviarti un esempio, una immagine disco molto piccola (15
MB) in modo che io non impieghi troppo tempo a inviarla e tu a
scaricarla. L'ho messa qui e ci rimarrà fino a domani:

https://dl.dropboxusercontent.com/u/1631025/test.dmg

Quando la apri ti chiederà la password, è discotest_08_2016
E ovviamente NON dovrai scegliere di salvare la password nel tuo
portachiavi, se no a cosa sarebbe servita la cifratura?

A quel punto avrai sulla scrivania l'immagine di un mini HD da 15 MB,
all'interno ho messo due immagini con i settaggi usati. Per chiuderlo
dovrai fare come quando espelli un CD o un HD. L'icona sparirà dal
desktop ma il ******* test.dmg sarò ancora disponibile, da riaprire,
scrivere, riscrivere, cancellare...

> comunque rimarrebbe sul desktop un'icona che,
> anche se non apribile senza password, potrebbe indurre a cercare cosa c'è
> dentro.

Certo, ma non è detto che debba essere tenuta proprio sul desktop. Puoi
metterla all'interno di una cartella, visto che è .dmg potrebbe stare
nella cartella in cui tieni gli installer dei programmi, che di solito
sono .dmg
erre.emme.rivettatrici@gmail.com 26 Ago 2016 21:52
Il giorno venerdì 26 agosto 2016 21:21:25 UTC+2, Trystero ha scritto:
> ...
> Certo, ma non è detto che debba essere tenuta proprio sul desktop. Puoi
> metterla all'interno di una cartella, visto che è .dmg potrebbe stare
> nella cartella in cui tieni gli installer dei programmi, che di solito
> sono .dmg

Grazie, gentilissimo, ho provato tutto e credo proprio di aver trovato la
soluzione, ora posso... no anzi, ho capito che ho ancora un sacco di cose da
imparare e mi conviene aspettare :-D
E' un piacere trovare persone che aiutano a risolvere i problemi, ho molto
apprezzato. Ciao
Max
Jlz 7 Set 2016 09:32
Il giorno venerdì 26 agosto 2016 12:39:21 UTC+2, Trystero ha scritto:
> Io le cose DAVVERO personali le tengo in un "immagine disco" dal nome
> generico, creata con Utility Disco, criptata con una password lunga che
> per me č facile da ricordare ma che per gli estranei sarebbe difficile
> da indovinare. A meno che gli eredi non assumano un tecnico *****er :-)
> C'č il rischio che quel ******* criptato si corrompa e anch'io non riesca
> piů ad accedere? C'č la copia su Time Machine. Corrotta pure quella? ne
> ho un'altra copia che aggiorno quando aggiorno quella originale.

Mi piace il tuo modo di intendere la sicurezza!

Jlz

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Dedicato agli utenti della Mela | Tutti i gruppi | it.comp.macintosh | Notizie e discussioni macintosh | Macintosh Mobile | Servizio di consultazione news.